In occasione della maratona #OnePeopleOnePlanet del 22 aprile 2021, sarà possibile immergersi in Weather#, un’opera multimediale musicale online, sui cambiamenti climatici.
Weather è stata composta da Elizabeth Swados sui testi di Filippo Consales, con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico alla tematica del cambiamento climatico e dell’impatto umano sulla natura. Già presentata al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel 2014 in forma di concerto, viene oggi prodotta attraverso una collaborazione internazionale che coinvolge organizzazioni partner e artisti in Europa, Francia, Inghilterra, Stati Uniti, Corea e Messico. 


Weather è una delle ultime opere musicali composte dalla scrittrice, compositrice e regista americana Elizabeth Swados. L’obiettivo di questo “oratorio drammatico,” come lo ha definito la stessa Swados, è quello di utilizzare la musica e il teatro come strumenti per sensibilizzare il pubblico nei confronti delle urgenti tematiche legate ai cambiamenti climatici. 
Con sonorità e ritmi che mescolano le atmosfere della musica occidentale a quelle della world music, il componimento raccoglie una grande varietà di storie, descrizioni scientifiche, citazioni di telegiornali e descrizioni mitologiche che raccontano di tempeste, distruzioni, rinascita e bellezza. Nella sua caleidoscopica visione, l’opera è una sorta di inno alla forza della natura ed allo stesso tempo un monito che vuole incoraggiare le persone a riflettere sulle emergenze ambientali che il nostro pianeta sta vivendo.  
Il filo conduttore, durante l’alternarsi delle 11 canzoni, è il continuo trasformarsi del tempo che si sviluppa seguendo l’evoluzione di un anno sulla terra, tratteggiando l’andamento delle stagioni. A tratti divertente, a tratti spaventoso o tragico, ogni atmosfera produce suoni diversi come diverse sono le lingue parlate o cantate nell’opera. Le canzoni sono accompagnate da una raccolta di animazioni visive, azioni performative e video.
Per contribuire alla promozione di una più ampia consapevolezza su questi temi, il progetto ha unito le forze tra Associazione Culturale BISSE, La MaMa Umbria International, CultureHub Europe, CultureHub New York, La MaMa ETC New York, Seoul Institute of the Arts, Arium e VRTY e il Comune di Spoleto, formando una partnership che ha portato alla produzione dell’opera. 

 

VISITA WEATHER#